Il blog

Auguri da Castellabate

Auguri da Castellabate
Ricevo gli auguri di Natale e questa bella foto della piazzetta del film "Benvenuti al sud"da Luigi, proprietario del bar "La piazzetta", che è stata sede dell'ufficio postale del film, amico di tutti noi, mio compagno in infinite partite a tennis vicino al mare e pure interprete del film (nel ruolo dell'addetto alla spazzatura...)

Ciao Luigi, ciao a tutti gli amici di Castellabate, Jamm'e jà!
Leggi i commenti (12) | Scrivi un commento | Torna su

Parini occupato

Parini occupato
Ieri sono stato invitato dagli studenti del Liceo Classico Parini di Milano a partecipare alla giornata conclusiva della settimana di occupazione/autogestione contro la riforma Gelmini.
Il tema dell'incontro era la satira politica e con me c'era Michele Mozzati, autore di libri di satira insieme a Gino Vignali, nonché autore di Zelig, direttore di Smemoranda e tanto altro...
In realtà si è parlato anche di altro. È stato sicuramente un incontro stimolante per me (e mi auguro anche per loro).
Avevo già avuto un'esperienza simile un paio di settimane fa a Genova, in un Liceo Scientifico e quindi ero pronto a trovare persone motivate, preparate, curiose e (perché no) incacchiate.
Mi ha colpito particolarmente vedere alla fine dell'incontro i ragazzi prendere scope e scopettoni e pulire l'aula magna per lasciarla in ordine come avevano promesso.
I ricordi di atti vandalici e goliardici come lasciare i rubinetti dei bagni aperti per allagare tutto sono davvero lontani.
L'intervento di un professore di filosofia che ha invitato a non seguire mode, flussi, filoni, neppure quando sono maggioritari, ha infine dato un senso in più a quell'incontro e forse anche a tutte le agitazioni studentesche di questo periodo.
Io voglio ancora ringraziare gli studenti, tutti.
E come ulteriore contributo al dibattito, vorrei farvi leggere un recente scritto di Michele Serra che condivido al cento per cento:

Gli studenti tornano per le strade, salgono sui tetti, occupano, sfilano, gridano. Per quelli della mia età alle ovvie preoccupazioni di genitore si somma il peso di una memoria suggestiva ma ingombrante, quella dei nostri vent’anni. L’entusiasmo ebbe un prezzo. Lo sfregio del fanatismo imbrattò molte pagine di quel libro di vita. La politica ci crebbe, ci insegnò molto, ci accese di passione ma ci esentò dalla fatica del dubbio (per quello c’era tempo). Ma nell’istante stesso in cui formulo questi pensieri, che danno corpo all’istinto di protezione, che danno voce all’esperienza dell’adulto, subito mi taccio. La scena è loro, la vita anche, di raccomandazioni giudiziose non sanno che farsene. Tra languire nel cinismo e cedere a una passione, a vent’anni non avrei avuto dubbi.
Passano per strada, li guardo dal marciapiede, incredibile in quanti pochi anni le parti si siano rovesciate. Potessi farlo, pregherei per la loro incolumità, quella fisica e quella intellettuale – che non gli si corrompano mai i pensieri. Se almeno si mettessero qualcosa di un po’ più pesante, quando salgono sui tetti o stanno tutto il giorno in giro. Con quei dannati giubbini, e i jeans a fior di culo, prendono un sacco di freddo.

Leggi i commenti (1) | Scrivi un commento | Torna su