Il blog

Sorrento

Sorrento
Qualche giorno fa a Sorrento si sono tenute le "Giornate professionali del cinema" in cui tutti distributori presentavano i film della prossima stagione. Beh, quest'anno è stata una sensazione curiosa. Ho ritrovato mezzo cast di Zelig! Effettivamente, nei prossimi mesi usciranno film che vedranno tra i protagonisti Katia e Valeria, Teresa Mannino, Giuseppe Giacobazzi, Enrico Brignano, il trio de La ricotta, Giovanni Vernia, oltre ovviamente al sottoscritto. Ecco una curiosa foto scattata quella sera. Serata che è finita con Checco Zalone al piano, io ai cucchiai (antico strumento percussivo casalingo) e vari registi e produttori a cantare a squarciagola Battisti, Celentano e altre (poche) canzoni di cui tutti potessero conoscere le parole.
Leggi i commenti (2) | Scrivi un commento | Torna su

Una domenica a piedi

Una domenica a piedi
Scrive Alberto Giannoni su "Il giornale":

Dopo lo Stato etico, il Comune etico. Quello che non si occupa (solo) di risolvere i problemi, ma educa i cittadini come scolaretti impenitenti. Un po’ come mamma e papà, o il prete. O la maestra. Per il loro bene, come no. Solo che mamma e papà ci mettono al mondo, la scuola - ancora - possiamo sceglierla, il prete andiamo a cercarlo in chiesa. Il sindaco no. Anche se non lo abbiamo scelto, anche se non siamo Lella Costa o Claudio Bisio, lui può farci girare in bicicletta. Ha potere e strumenti per farci lasciare l’auto in garage. Forse non può ancora costringerci a giocare tutti a ruba-bandiera, come sotto sotto vorrebbe, ma una bella multa (155 euro) se prendiamo l’auto, quella può farcela eccome. E non per ridurre lo smog - attenzione - loro stessi dicono che non serve a niente. Ma per farci capire quanto è bello girare con i pattini o i mezzi pubblici. Ora qualcuno dirà: è un ottimo obiettivo. Bene, ma allora si moltiplichi la frequenza delle corse, si lavori su fermate e parcheggi. Niente da fare, niente del genere. Si viaggia in direzione opposta. Al resto ci penseremo, intanto vogliono insegnarci la cosa giusta, spiegarci dove sta il bene (e magari il bello).
Inutile dire che di buone intenzioni è lastricata la via dei tanti piccoli e grandi inferni della storia. Non c’è bisogno di tirare in ballo la grande «mano invisibile» che come una provvidenza laica garantisce il bene comune attraverso l’incontro-scontro di tanti piccoli egoismi privati. Il concetto è ben chiaro a tutti: a fin di bene il danno è in agguato. La nuova amministrazione comunale si regge politicamente sulla «unione di fatto» fra la sinistra di matrice comunista-extraparlamentare e quella cattolico-sociale progressista. Che fosse tentata da una visione etica e pedagogica lo si poteva sospettare anche dall’introduzione di un assessorato al «benessere» (di chi?) e dalla ripetute affermazioni del sindaco, Giuliano Pisapia, intorno all’obiettivo della felicità. Ora, è vero che il diritto alla felicità è proclamato anche nella costituzione americana, un «testo sacro» del liberalismo, ma - appunto - trattasi di diritto, e ognuno se la cerca dove e come meglio crede. Se il Comune vuol insegnarci a essere buoni e giusti, indossando scarpe da trekking e pedalando fino a una piazza del centro dove giocare a ruba-bandiera con Paolo Rossi ed Enrico Bertolino, allora ci viene spontaneo salire in macchina e sgommare via gridando: non chiedeteci se siamo felici, ma riportate il biglietto del metrò a un euro tondo tondo.



Non commento. Ricordo solo che anche a Roma proprio oggi il sindaco (non di sinistra) Gianni Alemanno ha imposto lo stesso blocco delle auto.
E che oggi Milano senza auto era bellissima...
Leggi i commenti (1) | Scrivi un commento | Torna su

Con Linus e Nicola

Con Linus e Nicola
Volevo postare questa bella foto che ho da poco ricevuto e che ricorda quando alcuni o giorni fa sono stato insieme a Battiston a Radio deejay.

Ps. Sto leggendo i vostri commenti al film "Bar sport", sia sul blog che sulla pagina di facebook. Noto che la maggioranza di voi critica il film, soprattutto chi non conosceva la scrittura di Stefano Benni.
Prendo atto, mi dispiace. Posso garantirvi che un film così non l'ho sicuramente fatto per i soldi ma perché apprezzo la scrittura di Stefano da sempre e perché quel libro per me è veramente un "cult".
Detto questo mi rendo assolutamente conto che non era facile portare al cinema un libro che non è un romanzo ma un insieme di racconti. Non posso (e non voglio) fare il critico di un film a cui ho partecipato. Posso solo dire che Massimo Martelli e tutti noi abbiamo lavorato con impegno e molto rispetto (forse troppo) per l'opera originale. Il film ha delle innovazioni di linguaggio ( gli effetti speciali, i cartoni animati) che possono fare da apripista a un nuovo modo di fare commedia. O forse no.
Ai poster l'ardua.
Leggi i commenti (9) | Scrivi un commento | Torna su