Benvenuto Presidente!
Corriere della Sera

Bisio al Quirinale per caso, l'antipolitica prima dei grillini

Testata
Corriere della Sera
Data
14 marzo 2013
Firma
Renato Franco
Immagini
Immagine dell'articolo su Corriere della Sera

Il nuovo presidente della Repubblica si chiama Giuseppe Garibaldi. I giorni incerti" della politica si traducono in idee chiare al cinema e il curriculum del nuovo inquilino del Quirinale assomiglia a quello di questi tempi a 5 Stelle. È un ex bibliotecario, a tempo perso pescatore di trote.

Ci mette la faccia Claudio Bisio che si ritrova a ricoprire, surprise, la carica più alta dello Stato per la manovra che sa di inciucio di tre parlamentari (Beppe Fiorello, Massimo Popolizio e Cesare Bocci). Giuseppe Garibaldi. Il nome, che doveva essere solo una provocazione, esiste davvero... E’ Benvenuto Presidente, il nuovo film di Riccardo Milani - che inaugura la primavera i121 marzo in 400 sale distribuito da 01 (producono Indigo Film e Rai Cinema)-“Una commedia surreale di un paese surreale”, come la definisce il regista, in sorprendente contemporaneità con gli eventi di questi mesi, il grillismo su tutti. Eppure la sceneggiatura di Fabio Bonifaci risale a tre anni fa, ma in un Paese attorcigliato su se stesso non sorprende che l'immaginazione imiti la realtà."

I primi atti di ‘Peppino’ Garibaldi- sostenuto dagli amici e da uno stuolo di collaboratori fedeli (Kasia Smutniak, Remo Girone e Omero Antonutti):  sono tutti nel segno dell'antipolitica. Dà i suoi soldi aipoveri e ospita i senza tetto al Quirinale, mentre i parlamentari corrotti (il politico con pizzetto, quello ruspante e quello bello, rigorosamente senza nomi) fanno di tutto per infangare la sua immagine sui media. Spiega ancora Milani: “il film coglie un clima sociale diffuso l'esplodere dell'antipolitica. E’ stato scritto tre anni fa, il Movimento 5 Stelle c'era già allora, ma senza quell'esposizionee quella forza che possiede oggi. Ma non mi schiero con l'antipolitica, spesso si additano i politici per coprire responsabilità che sono di noi tutti”.

Chi è stato «colto alla sprovvista» dagli eventi dell'ultimo anno e mezzo è il Presidente

Claudio Bisio «Un film che nasceva come farsa è diventato di colpo iperrealistico». Bisio vede nei parlamentari del film «delle caricature, maschere di una commedia dell'arte aggiornata ai giorni nostri». Ogni riferimento ai nuovi parlamentari stellati è puramente casuale: «Mi hanno incuriosito le biografie grilline, ma non mi sono ispirato a loro, non li conoscevamo mesi fa».