Benvenuto Presidente!
Cinemaitaliano.info

BENVENUTO PRESIDENTE! - Bisio dopo Napolitano?

Si gira a Torino il film di Riccardo Milani scritto da Fabio Bonifacci su soggetto di Nicola Giuliano

Testata
Cinemaitaliano.info
Data
23 novembre 2012
Firma
Carlo Griseri
Immagini
Immagine dell'articolo su Cinemaitaliano.info

E' in corso di lavorazione da qualche giorno a Torino "Benvenuto Presidente!" di Riccardo Milani, tratto da un soggetto di Nicola Giuliano (produttore con la sua Indigo insieme a Francesca Cima, in collaborazione con FIP e col sostegna della FCTP), sceneggiato da Fabio Bonifacci e interpretato nei due ruoli principali da Claudio Bisio e Kasia Smutniak.

 

La storia è quello dell'uomo qualunque che si ritrova improvvisamente eletto presidente della Repubblica e, dopo un primo momento di inevitabile straniamento, inizia a dare uno "scossone" salutare alle istituzioni.

 

A Torino verranno girate la maggior parte delle scene, tra Venaria Reale, Palazzo Reale, Archivio di Stato, Accademie delle Scienze e Palazzo Carignano, che fungeranno da "sostituti" perfetti per Roma e le stanze del potere: il Quirinale verrà inquadrato solo da fuori. "Solo nel 1946, ancora su permesso del re Umberto II, vennero girate alcune scene all'interno del palazzo: da allora - il film era "Aquila nera" - non è più successo", spiega Steve Della Casa, presidente della Film Commission Torino Piemonte (FCTP).

 

"Il mio personaggio si chiama Peppino", spiega Claudio Bisio. "Fa il bibliotecario molto precario, ma un giorno diventa per sbaglio presidente della Repubblica. Il film è quasi una favola, però verosimile. Siamo all'inizio della lavorazione, devo dire che grazie anche alle location eccezionali l'atmosfera è unica.

 

Kasia Smutniak interpreta Janis: "Sono un funzionario del Quirinale, addetta a che Peppino impari e segua il protocollo giusto. E' un personaggio molto rigido, che sento vicino per la mia provenienza polacca e da una famiglia militare, per di più. Ha un passato fricchettone, molto diverso dal lavoro che poi ha scelto di fare nella vita".

 

Riccardo Milani: "Mi piaceva l'idea perché non si accoda all'antipolitica dominante oggi. La politica è un mestiere bello, e quindi ho accolto con piacere il progetto presentatomi da Nicola. Non ho riferimenti precisi cinematografici a cui mi rifaccio per i miei film, credo sia la cosa peggiore da fare: gli omaggi vengono istintivi, ma non bisogna cercarli".

 

Nel cast anche Stefania Sandrelli, mamma di Janis, Gianni Cavina, Beppe Fiorello e Omero Antonutti.