'Benvenuti al Nord'
Corriere della Sera

Benvenuti a Lodi (e ritorno a Milano)

Bisio, Siani & C.: si gira il sequel del film di Miniero. Primo ciak nell'Auditorium di Piano

Testata
Corriere della Sera
Data
20 luglio 2011
Firma
Caterina Belloni
Immagini
Immagine dell'articolo su Corriere della Sera

La prima scena è su un gozzo in mezzo al mare, l'ultima nell'allegro caos di una festa di alpini ai piedi del Monte Rosa. In mezzo, le tante facce della Lombardia, dai grattacieli di Milano alle case dell'Isola, agli scorci dell'Auditorium di Renzo Piano a Lodi. Luoghi simbolo dove si svolge «Benvenuti al Nord», sequel di «Benvenuti al Sud», con Claudio Bisio e Alessandro Siani (32 milioni di incassi e 4 spesi per realizzarlo). Le riprese del film n.2 (costo stimato 6 milioni) sono cominciate in questi giorni, dopo una prima tappa a Milano e l'incontro con Pisapia e Formigoni. Fino a domani il regista Luca Miniero e gli attori sono a Lodi, all'Auditorium firmato da Piano, che nel film ospita una convention di Poste Italiane.

Qui arriva il personaggio interpretato da Paolo Rossi, un manager tagliatore di teste, incaricato di presentare un progetto di riorganizzazione. «Una figura che sento molto vicina a me», ironizza l'attore. «Però non assomiglio né a Brunetta né a Marchionne. Il primo l'ho visto ed è molto più basso di me, il secondo non l'ho mai incontrato e neppure ci tengo». Il suo piano per migliorare il servizio si chiama Erpes (acronimo di energia, rapidità, puntualità, efficienza e sorriso) e... fallisce. Anche per sfatare alcuni luoghi comuni, spiega il regista: «L'uomo del sud nullafacente e quello del nord laborioso, ad esempio. Nella storia si assiste a un rovesciamento dei ruoli e il lieto fine nasce dalla collaborazione».

Tutti assicurano che la commedia non teme né il rischio dei sequel né il confronto con altri film, Totò e Peppino in primis. A Milano la troupe tornerà la prossima settimana: Ortica, Isola, Porta Nuova. Nel mirino vizi e virtù meneghini. «Qui la cucina tipica è giapponese - attacca Siani - il problema della casa non riguarda la prima, come a Napoli, ma la seconda; e ci sono pochi salumieri: una bresaola è per sempre».

Quanto a Lodi, Bisio ha apprezzato la bellezza della città e... «anche quella del sindaco», Lorenzo Guerini. Lodi ormai superstar, set dell'ultimo spot di Sky, quello di Lasonil, una parte di «Vallanzasca» di Placido, scene del film tv «Fratelli Benvenuti». «Città stupenda e versatile - sottolinea Marco Bergamaschi, location manager -. Si trovano architetture moderne e gli angoli medioevali, col vantaggio di costi ridotti per la permanenza, se la produzione è milanese, e di un'amministrazione collaborativa».