DOPPIO MISTO
Di Tutto

“LA NOSTRA VITA E’ UN DOPPIO MISTO TRA SET E QUOTIDIANITA’”

Claudio Bisio e Sandra bonzi, insieme da quasi vent’anni, alle prese con i problemi di tutte le coppie e di tanti genitori.

Testata
Di Tutto
Data
19 dicembre 2008
Firma
Bice Passera
Immagini
Immagine dell'articolo su Di Tutto
Immagine dell'articolo su Di Tutto
Immagine dell'articolo su Di Tutto

Una coppia ben assortita. Lui é Claudio Bisio, attore, presentatore, marito, padre e tifoso rassonero, come fa sottolineandolo con una serie di battute. Vivace, sempre pronto alla battuta. Questa volta lo incontriamo mentre duetta non con Vanessa Incontrada, rna con l'unica donna che é al suo fianco da quasi vent' anni, Sandra Bonzi. Prima compagna e ora moglie, rna soprattutto madre dei suoi figli. Lei, scrittrice, appare timida e anche estremamente dolce. Mentre Claudio parla e scherza, Sandra mette in evidenza proprio come in questo mondo pieno di problemi la sua ironia sia un toccasana all'intemo della vita di coppia. E così si raccontano a noi di Di Tutto anche attraverso il loro libro "Doppio misto". Accanto a loro intraprendiamo questa viaggio nella vita di una coppia come tante altre, che vive a Città Studi a Milano con due figli, Alice di 12 anni e Federico di 10, tra una spesa alJ'Esselunga di viale Papiniano e una gita in bicicIetta al Parco Lambro per passare una domenica in relax. La quotidianità raccontata con grande ironia rna con occhio che sa valutare la realtà.
Come é nata I'idea di scrivere un libro a quattro mani?
CLAUDIO Tutto é nato durante una tournèe teatrale. Nei lunghi periodi di mia assenza, le nostre due vite scorrono parallele e il telefono rappresenta il nostro momento di contatto. Ma non é sempre il momento giusto! Dopo una telefonata non riuscita particolarmente bene, mi é arrivata una sua mail ...
Una mail di fuoco?
SANDRA Ho indossato i panni della Moglie, quella con la M maiuscola, e ho scritto una sorta di pagina di diario segreto, ovviamente sopra le righe, nella quale mi lamentavo della vita di coppia ... Poteva finire lì. Dopo due giorni però lui ha risposto.
Scrivere un libro insieme ha rappresentato una sorta di terapia di coppia?
CLAUDIO Sicuramente ci siamo divertiti molto!
SANDRA Sottoscrivo.
Siete insieme da quasi vent'anni. Un periodo lungo per la realtà odierna e soprattutto per il mondo delle spettacolo. Qual é il vostro segreto?
SANDRA E chi ce l’ha? Si va a tentoni…
CLAUDIO Vederci poco!
Qual é stata la difficolta maggiore che avete incontrato nella realizzazione del vostro libro?
CLAUDIO Volevamo esasperare le differenze del femminile e del maschile non solo nel modo di vcdere Ie cose, ma nell’uso del linguaggio. Abbiamo quindi lavorato molto sulle parole, cercando di "identificarne" l'uso: Sandra e Claudio dovevano utilizzare espressioni diverse.
Che cosa l'ha fatta innamorare di Sandra?
CLAUDIO Le gambe lunghe?
E di Claudio?
SANDRA La curiosità e l'ironia.
Perché nel sottotitolo si legge "autobiografia di una coppia non autorizzata"?
SANDRA Perehé abbiamo rubato a mani basse non solo nella nostra vita, ma anche in quella di amici e conoscenti. Poi abbiamo frullato il tutto. Diciamo che nel libro nulla è falso: ma è altrettanto vero che niente corrisponde a verità.
E come genitori come vi definireste?
CLAUDIO Abbaslanza tradizionali, direi.
Cosa dite ai vostri fig1i dell'amore?
SANDRA Che é fondamentale. Che va rispettato. Che ne esistono mille sfumature diverse.
Sandra, che effetto fa firmare autografi?
SANDRA Bè, emozionante e un po’ straniante…
Claudio, qual é il suo rapporto con la notorietà?
CLAUDIO Diciamo che non la prendo troppo sui serio! "Zelig” mi ha regalato la notorietà del grande pubblico e non sempre é facile... Ma mi emoziona molto l’affetto dei più giovani.
Dopo aver letto "Doppio misto" mi sento dire che nel vostro libro si percepisce la quotidianità, la vita di una coppia semplice nella quale si possono riconoscere in tanti. Volevate questo? E soprattutto: siete davvero una coppia semplice?
CLAUDIO Sì, l’effetto che volevamo ottenere era proprio questo: scrivere una storia nella quale il lettore si potesse riconoscere!
SANDRA Noi siamo il frutto della nostra generazione, credo. Una coppia contemporanea che annusa l’aria e avanza senza molti modelli di riferimento.
E poi c'e anche la diversità dell'essere uomo e donna. Una diversità che, se accettata e compresa, diventa motivo di unione?
CLAUDIO E’ dall’incontro delle diversità che – credo - nascano i frutti migliori, in tutti i campi…
SANDRA Se c'e un terreno comune, le diversità sono sfumature, tocchi di colore che rendono il tutto più intessante.
Dove si sente più a suo agio in tv, a teatro o al cinema?
CLAUDIO Forse in teatro! E’ lì che sono nato e cresciuto e il palcoscenico rimane ancora lo spazio nel quale mi sento più a mio agio. Non a caso, infatti, il programma tclevisivo nel quale mi sono sempre sentito più a casa é "Zelig”, un programma televisivo sì, ma che di fatto scardina il “modello tv”: non siamo mai stati in uno studio televisivo, il pubblico é pagante, le telecamere "rubano" uno spettacolo dal vivo. II cinema é ancora un mezzo che conosco poco. Mi piacerebbe frequentarlo di più…vedremo.