Red carpet all’Albergo della Regina Isabella di Lacco Ameno, sabato 17 luglio  per il rituale gran gala dell’ Ischia Global Fest, giunto con grande successo al termine sua XIV edizione. In pole position, la bellissima Valeria Bruni Tedeschi, premiata da Pascal Vicedomini produttore della kermesse come “attrice rivelazione dell’anno”, Gabriele Mainetti, insignito con l’”Ischia Italian Worldwide Award” per il film “Lo chiamavano Jeeg Robot”,  coraggioso cinecomic di borgata, Claudio Bisio, premiato con “Ischia Italian King of Comedy Award”, Petra Nemcova una delle top piĚ ricercate al mondo e fondatrice, dopo aver vissuto in prima persona la tragedia dello Tsumani, del 2004, di un’associazione benefica “Happy Hearts Fund”, dedicata alle popolazione vittime di catastrofi naturali, alla quale Ź stato riconosciuto l’Ischia Humanitarian Award, Pino InsegnoMassimo Giuliani, Marco Guadagno e Lee Ryan, “Premio Ischia Doppiatori dell’Anno” per il film  “L’era glaciale 5”, Vittorio Storaro che ha ricevuto  l’Ischia legend Award”. 

 

Maestro della luce che ha incantato il mondo”, Storaro non ha mai smesso di ricercare il senso profondo del colore, regalando agli spettatori immagini ed emozioni indimenticabili.  Proprio alla vigilia dell'uscita americana del film di Allen che ha aperto Cannes, Vittorio Storaro, direttore della fotografia, tre volte Premio Oscar, ha presentato ad Ischia una proiezione speciale di "Muhanmmad, the messanger of God" diretto da Majid Majidi, il kolossal iraniano sull'infanzia di Maometto a cui il cinematographer romano ha dedicato tre anni di . "Siamo onorati di festeggiare Storaro con "Mohammad", ha detto Tony Renis, Presidente Onorario dell’Accademia Internazionale di Ischia, "un’opera di altissima spiritualitą che costituisce la piĚ grande produzione cinematografica mai fatta in Iran, e che, ad eccezione di alcune proiezioni speciali, raramente Ź stato mostrato al pubblico fuori da quel paese".  Il film, che racconta i primi 12 anni del Profeta, si avvale delle musiche originali dell'indiano Allah Rakha Rahman (premio Oscar per la colonna sonora del "Il milionario" di Danny Boyle) e degli effetti speciali di Scott E. Anderson (premio Oscar per "Babe"). "Siamo felici di ospitare questo evento per sottolineare il contributo dell'arte al dialogo tra culture e religioni", ha detto Giancarlo Carriero, Presidente dell'Accademia Arte Ischia. "Proprio in questo momento, con l’ultimo sanguinoso accadimento della strage di Nizza,  sarebbe utile conoscere il vero Islam e fare in modo che opere come 'Muhanmmad, the messenger of God' fossero diffuse, per raccontare al mondo la spiritualitą della fede musulmana, una religione di pace che rispetta la dignitą dell'uomo".

 

Ed ancora, Paul Haggis, Mark Canton, Kerry Kennedy, Aurelio e Jacqueline De LaurentiisAndrea Iervolino e Monoka Bacardi, Darina Pavlova, Gianfranco Rosi e tanti altri esponenti dello showbiz internazionale. Per la sezione cinema, molto applaudita la proiezione speciale di “L'Era Glaciale 5", nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti a partire dal 22 luglio del 2016 con il titolo di Ice Age: Collision Course, in italiano L'Era Glaciale: rotta di collisione diretto da Mike Thurmeier e Galen T. Chu. con tutti i protagonisti che ce l'hanno fatta amare: Sidil bradipo, Manfred il mammut e la tigre Diego, “animatori” di quella che Ź sicuramente Ź una delle saghe piĚ fortunate della 20th Century Fox e dei Blue Sky Studios, che dopo i primi quattro episodi hanno incassato quasi 3 miliardi di dollari in tutto il mondo. 

Proiettato, sul grande shermo del “Regina Isabella, in anteprima italiana, Ghostbusters  diretto da Paul Feig.. La pellicola Ź il reboot dell'omonima serie, con il nuovo team di acchiappafantasmi interpretati da attrici donne: Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon e Leslie Jones. La trama Ź la seguente: Abby ed Erin sono due scrittrici quasi sconosciute che pubblicano un libro sui fantasmi nel quale affermare che questi esistono realmente. Tempo dopo Erin ottiene un incarico come professore alla Columbia University. Quando il libro sui fantasmi, ormai dimenticato, ricompare, diventerą lo zimbello dell'universitą e sarą costretta a lasciare l'incarico. A questo punto, persa la sua credibilitą, decide di riunirsi ad Abby e di aprire una ditta di acchiappafantasmi. 

 

Particolarmente apprezzato per la valenza didattico-educativa del progetto, il debutto nazionale di Danilo Iervolino, presidente Unipegaso come produttore cinematografico con la proiezione del primo film “Senso di marcia”, regista Duccio Giordano. Il film si snoda attraverso il viaggio di un cronista nel paese delle mafie, per capire cosa c’Ź di vero nella propria attivitą di giornalista impegnato, ma anche nella lotta al crimine organizzato, ingaggiata  dallo Stato ed a tal fine si dedica ad intervistare i Pm piĚ impegnati  nella frontiera  della lotta alla mafia, da Lucia Lotti, a Catello Maresca, a Fedrico Cafiero de Raho,  Alessandra Dolci, Nicola Grattieri. "Dopo dieci anni di successi dell’Unipegaso - afferma Iervolino - con la sua piattaforma  di e-learning “Pegasonline”, partendo dalla consapevolezza di quanto fascino esercita il grande schermo soprattutto sul pubblico giovanile, ho attivato un nuovo percorso, quale quello cinematografico, come strumento di conoscenza e di sensibilizzazione delle complesse e delicate dinamiche sociali, come l’annoso antagonismo tra il Potere dello Stato e la Mafia che tuttora affligge il nostro Paese. L’auspicio  Ź di coinvolgere in questa nuova mission tutte le scuole di ogni ordine e grado, educando i giovani alla legalitą attraverso la magia del cinema". Grande chiusura questa sera del Festival ischitano di Vicedomini, nel segno di un’icona dell’arte napoletana nel mondo: Toto, nell’ambito delle celebrazioni gią attivate in memoria del “Principe della risata” a 50 anni dalla sua scomparsa dall’Associazione “Antonio De Curtis, in arte Totė", della nipote Elena e di tanti amici da Francesco Gesualdi ad Enzo Decaro.